2.2.8 Vincoli e Carichi nei Nodi

<< Click to Display Table of Contents >>

Navigation:  2  Ambiente di lavoro > 2.2  Menu principali >

2.2.8 Vincoli e Carichi nei Nodi

VINCOLI_CARICHI_NODI

 

Dopo aver selezionato questa scheda è possibile visualizzare i dati di vincolo e di carico (relativo alla condizione di carico corrente) di un qualunque nodo cliccandolo col mouse in una delle due finestre grafiche.

Importante: Le colonne FX, FY, FZ, MX, MY, MZ che contengono i carichi concentrati applicati direttamente ai nodi sono disponibili per sole combinazioni NODALI; nelle condizioni di carico non nodali sono visibili solo le restanti colonne (Vincoli, Rigidezze elastiche applicate ai nodi).  

Tutti i dati di questa tabella si riferiscono alle direzioni X, Y, Z degli assi generali di riferimento della struttura. In particolare i carichi e le coppie concentrate hanno direzione positiva se concorde con quella degli assi generali (vedi convenzioni al § 1.1.1) .

I dati che è possibile introdurre e/o modificare sono:

 

Vincoli Esterni: sono i vincoli fissi relativi ai 6 gradi di libertà dei nodi. Il codice 1 indica che il grado di libertà è bloccato, 0 lo indica come libero. I nodi appartenenti a piani rigidi non possono avere vincoli fissi. Nei nodi in cui sono presenti plinti fondazioni superficiali (plinti superficiali, platea superficiale e travi su suolo elastico) è obbligatorio il seguente codice di vincolo: 110001, cioè sono bloccate le traslazioni nel piano X, Y e la rotazione intorno all'asse Z verticale. Non sono cioè ammessi sulla superficie di contatto plinti-terreno (ovvero nel nodo in cui è inserita la fondazione superficiale) vincoli elastici o assenza di vincolo in direzione orizzontale. La modifica dei codici di vincolo si ottiene selezionando il pulsante che compare nella casella di vincolo (vedi figura sottostante). Viene di conseguenza aperta la seguente finestra per la gestione dei vincoli fissi del nodo:

 

 DATI_VINCOLI_2  

 

 

KX, KY, KZ  kN/cm: valori delle rigidezze elastiche (molle) traslazionali applicate nel nodo nelle direzioni degli assi generali di riferimento.

 

KrX, KrY, KrZ  kNcm/rad: valori delle rigidezze elastiche (molle) rotazionali applicate nel nodo nelle direzioni degli assi generali di riferimento.

 

FX, FY, FZ kN: forze concentrate applicate nel nodo per la condizione di carico corrente. La direzione ed il verso positivo sono quelli degli assi generali di riferimento.

 

MX, MY, MZ kNm: coppie concentrate applicate nel nodo per la condizione di carico corrente. La direzione ed il verso rotatorio positivo sono quelli degli assi generali di riferimento.

 

 


Geostru Software © 2022