1.7.2 Carichi - Sforzi nelle travi

<< Click to Display Table of Contents >>

Navigation:  1  Modellazione e Novità NTC 2018 > 1.7  Travi >

1.7.2 Carichi - Sforzi nelle travi

I carichi ripartiti possono essere linearmente variabili (costanti, triangolari e trapezi) e sono per default riferiti al solo tratto deformabile dell'asta. Per ogni trave (§ 2.2.9) è comunque disponibile l'opzione che consente di considerare i carichi come ripartiti anche sulla lunghezza dei conci rigidi. I carichi qx, qy, qz possono essere riferiti agli assi principali d'inerzia x, y, z della sezione (per default) o agli assi generali di riferimento X, Y, Z (figura 8.1).

 

 

Figura 8.1 - Convenzioni trave

Figura 8.1 - Convenzioni trave

 

Il carico torcente qtorc è sempre riferito all'asse longitudinale baricentrico della trave.

Sempre in figura 8.1 sono visualizzate le convenzioni positive per le seguenti sei componenti di sforzo con riferimento alla sezione iniziale del tratto deformabile:

Nx  sforzo assiale (assunto sempre nullo nel caso di travi appartenenti a piano rigido)

Vz, Vy sforzi taglianti nelle direzioni degli assi principali d'inerzia della sezione

MT  momento torcente

Mz, My momenti flettenti intorno ai rispettivi assi principali d'inerzia della sezione

Il programma calcola gli sforzi solo nelle sezioni appartenenti al tratto deformabile dell'asta: le sezioni di calcolo vengono pertanto individuate mediante il solo valore dell'ascissa lungo l'asse x baricentrico la cui origine è proprio il baricentro della sezione iniziale del tratto deformabile (punto origine I' in figura). Oltre che nelle sezioni iniziale e finale gli sforzi vengono calcolati in un numero di sezioni intermedie equidistanziate tra loro in funzione del  valore assegnato al parametro 'lunghezza di discretizzazione' nella finestra dei dati generali (§ 2.2.2); assumendo per  tale parametro il valore dL , il numero n di sezioni intermedie è così valutato dal programma: n =  Int(L /dL)  essendo L la lunghezza deformabile della trave.    

Nel caso corrente in cui la trave sia assegnata (come quasi sempre accade in programma) in regime di flessione retta, i carichi e gli sforzi non fanno riferimento agli assi principali d'inerzia y,z bensì agli assi y',z' di posizionamento della sezione (nell'archivio sezioni travi) con origine nel baricentro. In questo caso non vanno assegnati i carichi ripartiti qz in quanto il programma pone rigidezza flettente e tagliante nulle nel piano xz': le deformazioni provenienti dal calcolo assumerebbero di conseguenza valori enormi nel piano xz' (trave labile).

 

 


Geostru Software © 2022